STUDI – Punti di forza e biodiversità dell’artigianato italiano: i key data del report Confartigianato per l’evento di Pesaro

STUDI – Punti di forza e biodiversità dell’artigianato italiano: i key data del report Confartigianato per l’evento di Pesaro

In occasione della 3a Giornata della cultura artigiana l’Ufficio Studi di Confartigianato ha pubblicato il report ‘IA e complementarietà, l’equazione dell’Intelligenza Artigiana – Key data della cultura artigiana’. L’evento celebrativo della Giornata si è svolto ieri al Teatro Rossini di Pesaro, Capitale italiana della Cultura 2024.

La prima parte del report esamina la complementarietà tra le competenze imprenditoriali e le applicazioni di intelligenza artificiale (IA) un’equazione che definisce l’Intelligenza Artigiana. Si delinea – come evidenziato nella nota stampa diffusa per l’evento – l’uso pionieristico, ma crescente, da parte delle piccole imprese delle soluzioni di IA e dei sistemi di produzione robotizzati, seppur in un contesto caratterizzato dalle carenza di manodopera con competenze digitali avanzate 4.0.

La seconda parte del lavoro presenta alcuni key data che descrivono i punti di forza dell’artigianato relativi al lavoro, alla formazione dei giovani, alla biodiversità e alle specializzazioni dei territori italiani, alla sostenibilità sociale, alla produzione dei distretti del made in Italy e al più contenuto impatto sull’ambiente. Ecco un breve riepilogo dei key data.

Scarica il report ‘IA e complementarietà, l’equazione dell’Intelligenza Artigiana’
Rivedi l’evento in streaming

Key data della cultura artigiana – Presenza e  punti di forza dell’artigianato nell’economia italiana

In Italia l’occupazione nell’artigianato supera del 42,0% quella dei gruppi multinazionali italiani. Nelle regioni meridionali l’occupazione dell’artigianato, oltre ad essere più che doppia (+121,2%) rispetto quella dei gruppi multinazionali italiani, supera del 26,0% quella di tutti i gruppi multinazionali, italiani ed esteri.
Leadership europea del made in Italy a vocazione artigiana – L’Italia è prima in Ue per occupazione in 14 settori manifatturieri. In 9 di questi comparti nel comparto della moda, gioielleria e della lavorazione delle pietre, vi è una elevata vocazione artigiana, con 151mila addetti nell’artigianato che rappresentano oltre un terzo (35,3%) dell’occupazione dei settori in esame.
La biodiversità del made in Italy e le mille specializzazioni dell’artigianato – Numerose attività dell’artigianato poggiano su radici secolari e su un saper fare tramandato attraverso generazioni che si concretizza in una presenza di imprenditori e lavoratori specializzati, possessori di know how che garantisce una produzione di elevata qualità. Se prendiamo in considerazione i 52 settori  con oltre mille addetti nel totale nazionale delle imprese artigiane i territori rappresentati dalle 107 province italiane, contiamo 1.031 specializzazioni produttive dell’artigianato, di cui 433 nella manifattura.
Nei 141 distretti manifatturieri si addensano 361mila occupati in 80mila imprese artigiane manifatturiere, il 42,1% dell’occupazione dell’artigianato manifatturiero. Nei distretti del made in Italy circa 2 imprese manifatturiere su 3 (63,3%) sono artigiane.
Una analisi dello spazio economico mediante raggruppamenti dei sistemi locali di lavoro delineano i cluster territoriali ad alta presenza di artigianato: il cuore verde con 224mila imprese artigiane e 581mila addetti che rappresentano il 21,7% dell’occupazione totale delle imprese, il Mezzogiorno interno con 58mila imprese artigiane e 124mila addetti che rappresentano il 20,8% dell’occupazione totale, la città diffusa con 267mila imprese artigiane e 764mila addetti che rappresentano il 19% dell’occupazione totale e l’altro Sud con 94mila imprese artigiane pari al 17,7% dell’occupazione totale.
I territori ad alta resilienza dell’artigianato nei due anni di guerra – Nelle 7 regioni con la migliore performance di recupero del tasso di occupazione tra il 2021 e il 2023 l’artigianato rappresenta il 18,4% degli occupati delle imprese presenti in queste regioni, quota di 5 punti superiore al 13,4% delle restanti 13 regioni. Nelle prime 20 province più performanti per crescita del tasso di occupazione tra il 2021 e il 2023 l’artigianato rappresentano il 18,2 % degli occupati delle imprese presenti in questi territori, quota superiore di quasi quattro punti al 14,4% delle restanti province.
Artigianato, collante della società, del territorio e delle città – Se non ci fosse l’artigianato in 2.429 comuni l’occupazione si ridurrebbe di un almeno terzo e per 720 di questi l’occupazione sarebbe più che dimezzata. In questi comuni l’artigianato pesa il 40,1% dell’occupazione complessiva. Si tratta prevalentemente di piccoli comuni, di montagna e collina  e localizzati in zone rurali o scarsamente popolate. L’artigianato arricchisce l’offerta dei maggiori centri urbani. Nei 116 comuni capoluoghi di provincia, città metropolitane e i maggiori comuni non capoluogo (con almeno 80mila abitanti).si addensa circa un quarto (23,8%) dell’occupazione dell’artigianato (623.340 addetti).
Artigianato, maestri del lavoro e occupazione più stabile – Nell’arco di sei anni nelle imprese artigiane si sono formati e avviati al lavoro con il contratto di apprendistato oltre 502mila giovani under 30. I contratti di lavoro stabili sono più diffusi tra gli assunti nelle imprese artigiane. Nel 2023 le assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato e di apprendistato nell’artigianato sono il 38,7% del totale, 8,1 punti superiore a quello delle imprese non artigiane.
Nell’artigianato è più intesa la domanda di competenze green – Nelle imprese artigiane è più elevata l’intensità della richiesta di elevate competenze green, richieste per il 46,5% delle entrate, oltre cinque punti superiore al 41,3% delle imprese non artigiane e oltre undici punti superiore al 35,0% delle imprese medio-grandi.
La bassa impronta ecologica dell’artigianato – L’intensità di emissioni nelle imprese artigiane, valutate con le emissioni di gas serra per addetti, è del 46,5% inferiore alla media delle imprese non artigiane.

 

L’articolo STUDI – Punti di forza e biodiversità dell’artigianato italiano: i key data del report Confartigianato per l’evento di Pesaro proviene da Confartigianato Imprese.