STUDI – Le nuove imprese che sopravvivono, dopo cinque anni raddoppiano (+112,7%) gli occupati

STUDI – Le nuove imprese che sopravvivono, dopo cinque anni raddoppiano (+112,7%) gli occupati

 

In uno scenario economico caratterizzato da una prolungata stretta monetaria e dalle incertezze derivanti dal turbolento quadro geopolitico, il saldo del 2023 per le imprese italiane resta positivo, pur con alcune differenziazioni settoriali. In salita lo stock delle imprese per costruzioni e servizi non commerciali, mentre si osserva una flessione per le imprese della manifattura e del commercio.

Il saldo positivo di 42mila imprese registrato da Movimprese è la risultante di 312mila iscrizioni e 270mila cessazioni. Per le imprese artigiane il saldo è positivo per 4mila unità, combinazione di 83mila iscrizioni e 79 mila cessazioni. Tenuto conto delle 260 giornate all’anno in cui è possibile registrare un’impresa, nel corso del 2023 sono nate 320 imprese artigiane al giorno.

La “distruzione creativa” delle nuove imprese – Nella teoria economica schumpeteriana la  “distruzione creativa” descrive il processo di mutazione di una economia mediante la scomparsa di strutture vecchie e la creazione di nuove. In questa prospettiva la generazione di impresa, inserita in un contesto fortemente competitivo, si caratterizza con processi ‘distruttivi’ e di selezione naturale, in cui sopravvivono i soggetti più forti.

Sulla base degli ultimi dati Istat sugli effetti occupazionali della demografia d’impresa, si osserva che delle 296mila imprese nate nel 2016, dopo cinque anni, nel 2021, ne sopravvivono meno della metà, con un tasso di sopravvivenza a cinque anni del 46,4%. Ma questo fenomeno di selezione determina un rafforzamento della struttura delle imprese, con un effetto positivo sull’economia nel suo complesso. Nell’anno della nascita, il 2016, tutte le imprese nate determinavano un occupazione di 349mila addetti. Nel corso del quinquennio le 159mila imprese che non sopravvivono e chiudono l’attività determinano una perdita di 180mila addetti. Tale calo, però, è più che compensato dalle imprese di successo, che sopravvivono e che nel quinquennio guadagnano 190mila addetti e nel 2021 danno complessivamente lavoro a 359mila addetti, con un aumento per l’economia nel suo complesso di 10mila occupati, il 3% in più. Tale andamento non è omogeneo tra i settori: la crescita di 10mila addetti è la combinazione di un aumento di 13mila addetti nella manifattura e di 3mila addetti nelle costruzioni a fronte di una diminuzione di 5mila addetti nel commercio e di mille negli altri servizi.

Le imprese che sopravvivono escono rafforzate: nell’anno della nascita la dimensione media era di 1,3 addetti per impresa mentre dopo cinque anni è più che raddoppiata (+112,7%), salendo a 2,6 addetti per impresa.

La dinamica decennale delle imprese (2014-2024) – Nel focus settoriale curato dall’Ufficio Studi questa settimana in QE-Quotidiano Energia si evidenzia che nel lungo periodo il settore energetico è risultato il più performante nella demografia d’impresa, in parallelo alla crescente diffusione di impianti di energia da fonti rinnovabili. A febbraio 2024 le imprese attive nell’energia e utilities sono salite del 22,1% rispetto a dieci anni prima. Nell’ultimo decennio il totale delle imprese è calato dell’1,3%, combinazione di una caduta del 10,0% delle imprese agricole e della tenuta (+0,2%) delle imprese non agricole. Tra gli altri settori si è osservata una forte selezione per le imprese della manifattura (-12,9%) e del commercio (-9,7%). In calo (-3,3%) anche le imprese delle costruzioni. La tenuta del numero delle imprese non agricole è sostenuta dalla crescita del 14,0% dei servizi (escluso il commercio). Nel terziario, le imprese risultano in salita del 9,4% nei servizi turistici, del 15,1% negli altri servizi alle persone e del 15,5% nei servizi alle imprese. Tra questi ultimi, si osserva un maggiore dinamismo delle imprese di sanità e assistenza sociale con +34,8%, noleggio, agenzie di viaggio, servizi alle imprese con +32,1%, attività professionali, scientifiche e tecniche con +31,7%, attività artistiche, sportive, di intrattenimento con +21%, attività finanziarie e assicurative con +19% e servizi di informazione e comunicazione con +14,5%.

 

 

Dinamica a cinque anni dalla nascita dell’occupazione delle imprese nate nel 2016

2016-2021 – var. assolute numero di addetti – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat

 

Imprese attive e trend in dieci anni per settore

febbraio 2024, imprese attive, var. ass. e var. % vs febbraio 2014 – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su opendata CCIAA Marche di fonte InfoCamere

L’articolo STUDI – Le nuove imprese che sopravvivono, dopo cinque anni raddoppiano (+112,7%) gli occupati proviene da Confartigianato Imprese.